Potenziale Terapeutico

Cellule staminali ematopoietiche

Il potenziale terapeutico del sangue cordonale in diverse tipologie di patologie è riconducibile alle differenti popolazioni cellulari presenti nel sangue cordonale stesso.

L’utilizzo finora più frequente del sangue cordonale, per il trattamento delle patologie onco- ematologiche e metaboliche come sostituto del trapianto di midollo osseo, è in gran parte riconducibile alla presenza delle cellule staminali ematopoietiche.

Le cellule staminali ematopoietiche sono abitualmente presenti nel midollo osseo e, dividendosi e differenziandosi, sono in grado di dare origine a tutti gli elementi del sangue: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.

In alcune patologie oncologiche e/o ematologiche, si rende necessario sostituire il midollo osseo del ricevente con il midollo osseo di un donatore compatibile. Questa modalità di trattamento è nota con il nome di trapianto di midollo osseo. Il successo del trapianto di midollo osseo è determinato proprio dalle cellule staminali ematopoietiche che proliferano nel ricevente fino alla totale ricostruzione del sistema ematopoietico danneggiato. A partire dal 1988 è divenuto evidente come anche le cellule staminali ematopoietiche ottenute dal sangue cordonale possono sostituire il midollo osseo a scopo di trapianto (Broxmeyer et al. 1989).

Pertanto, il sangue cordonale raccolto al momento del parto e conservato, può essere utilizzato in primo luogo nel trattamento di tutta una serie di patologie onco– ematologiche in quanto fonte di cellule staminali ematopoietiche. In particolare, per alcune patologie il trapianto di cellule staminali ematopoietiche costituisce il trattamento standard, per alcune patologie esse costituiscono l’unica terapia disponibile, mentre per altre vengono utilizzate solo quando le terapie principali hanno fallito o nel caso di particolare aggressività della patologia stessa.

Sono stati eseguiti più di 20.000 trapianti utilizzando le cellule staminali del cordone per trattare la stessa varietà di patologie maligne e non maligne trattate con il midollo osseo (Gluckman congresso di Milano 2008).